Just another WordPress.com site

OCEANS ELEVEN

OCEAN’S ELEVEN: SOUNDTRACK firmato David Holmes

Davvero un bel film “Ocean’s eleven” , non solo per lustrare gli occhi delle donne, dalla quindicenne alla quarantenne, data la presenza maschile di alta qualità, ma per gli ingredienti che lo compongono, sapientemente miscelati: dallo humour che risente dei film di Tarantino alla satira sociale, dalla storia d’amore, al fascino di personaggi simbolo come Lupin e Pantera Rosa…Il tutto concorre a creare un’esplosione di buon umore anche perché il pubblico fin dall’inizio ha la netta sensazione che tanta bellezza e bontà d’animo (..in fondo Clooney è un ladro gentiluomo, per giunta innamorato…) non possa rimanere senza un meritato lieto fine.
La mia attenzione si è concentrata sulla musica che qui concorre in maniera non del tutto secondaria alla riuscita del film…Andiamo con ordine. La musica ha un incipit alquanto simbolico e ben pensato: il povero Clooney è in prigione e gli viene chiesto: “Cosa pensa che farebbe se la rilasciassero?” E’ alla fine di questa domanda, sul vago sorriso di George, che la musica fa il suo ingresso sonoro: un motivo allegro, ritmato, sensuale come solo il jazz sa fare.
Lo stesso motivo accompagna tutte le scene successive ma si arresta sulla figura di un altro personaggio chiave: Brad Pitt. La musica si ferma e poi riprende ma il motivo non è più lo stesso: non si discosta particolarmente da quello che connotava Clooney ma sembra avere qualcosa di più rockeggiante…
I due attori si salutano, giocano a poker…La musica li lascia fare senza intervenire ma ritorna a fare la padrona quando viene inquadrato il caveau del casinò che Clooney vuole svaligiare: fin dalle prime morbide note del sax si coglie un certo sapore “Pink Panther”, legittimato dal tipico ritmo sincopato.
Il descrittivismo qui ha il posto giusto.
Un altro momento musicale interessante è quando Clooney narra a Brad alcune disavventure di casinò derubati; la prima “storia” avviene negli anni ’30: immagini in bianco e nero, tipiche da film muto e accompagnamento musicale alla Duke Ellington; la seconda disavventura è degli anni settanta e anche qui il motivo accompagnatore è tipico; l’ultima situazione è degli anni ’80: “Take my breath away” è la canzone scelta, non solo perché ricorda il sound di quegli anni e il film con Tom Cruise, ma forse anche perché il maldestro ladro si fa ..volare via i soldi…
Brad e George cominciano a cercarsi i “compari”: uno degli undici è un simpatico cinesino che fa il circense…Ed ecco una canzoncina su scala pentatonica che accompagna il nuovo personaggio nel suo esercizio al circo.
Arriviamo a quella che secondo me è la musica chiave di tutta la colonna sonora: il “chiaro di luna ” tratto dalla suite Bergamasque di Debussy. Gli undici sono nella villa del più ricco di loro a Las Vegas, accanto alla piscina.
Lo scarto con le altre musiche è notevolissimo: non solo il simbolismo dell’acqua ci è reso ancora più impalpabile dalle note perlate del pianoforte classico, non solo ci invade un’idea di pace dopo una carrellata di immagini velocissime, ma ritroveremo lo stesso pezzo orchestrato, a simboleggiare la cosiddetta “chiusura del cerchio” alla fine di tutta la storia.
In tutte le azioni successive, per altro diversissime tra loro, la musica ( risente dei tipici temi da film alla James bond, ma è intrisa di ritmo caraibico, che dà al tema di Holmes un carattere allegro, quasi a ricordarci che quella che stiamo guardando è infondo una commedia, nonché a farci presagire in un certo senso che tutto andrà bene) è la stessa e non è un caso: serve da collante.
George ritrova la bella ex moglie (Julia Roberts, che in questo film non sfodera quasi mai il suo sorriso smagliante…Infondo non ha molto da sorridere: è forse l’unico personaggio realmente responsabile, razionale e perciò drammatico): la musica di sottofondo è quella del film “scandalo al sole”: inutile dire che il tema affidato ai violini e piuttosto famoso ci lascia presagire che l’attuale fidanzato della Roberts (che poi è il proprietario del casinò) sta per sorprenderli allo stesso tavolo…
Per fare il colpo bisogna eliminare la corrente per qualche istante: ci pensa uno dei ragazzi, con lo “Strizza” un aggeggio che, messo a funzionare al momento giusto, serve proprio al caso dei nostri eroi…In quel momento la Roberts e il capo del casinò sono ad un incontro di pugilato…La città precipita nel buio..
Il ritmo si infittisce, gli strumenti incalzano, i colpi della cassa rullante sono in sincrono sia con l’avvicinamento dello Strizza ai cavi dell’alta tensione, sia in concomitanza delle botte dei pugili…La scena è a dir poco esilarante e la musica si ferma, ha questa compiacenza, solo quando i due ladri si sono calati giù per raggiungere il cavò.
Da questo punto in avanti le azioni e i dialoghi sono troppo concitati per seguire la musica che comunque prosegue e incolla tutte le scene dando continuità. La miglior musica per film non è quella che non si sente, tanto è aderente al film ?
Siamo praticamente alla fine del film: ed ecco i nostri eroi a colpo concluso, davanti ad una pittoresca e gigantesca fontana; il piano sequenza inquadra i volti uno per uno e la musica è proprio la suite Bergamasque, questa volta orchestrata, quasi a connotare una conclusione in pompa magna, come solo una buona orchestra sa fare.
I sincroni con i giochi d’acqua della fontana sono perfetti…Le note del tema salgono insieme al crescendo orchestrale ed ecco gli zampilli della fontana che si stagliano verso il cielo.
La musica è la stessa anche durante la scena d’amore ritrovato tra George e Julia. E continua fino al saluto di tutti i personaggi.
Debussy riesce ad avvolgerci in una sensazione di “tutto é bene quel che finisce bene”.

Un’ottima prova di colonna sonora che descrive il film in maniera costruttiva e sfrutta vocaboli musicali a tutti comprensibili senza mai essere banale..Complimenti David Holmes!

Mariangela Ungaro

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s